Torna alle notizie
Plance nel mirino: in crescita i furti che riguardano navigatori, fari e volanti.
Una tendenza non solo locale, tanto che anche su Quattroruote di Gennaio 2021 si affronta lo stesso tema, denunciando come negli ultimi tempi il fenomeno sia diventato un vero e proprio trend.

Anche oggi un’auto con la plancia completamente sventrata.

Non è la prima e non sarà di certo l’ultima, questo lo sappiamo, ma la frequenza con cui in questi mesi ci capitano in officina casi come questo sta diventando davvero preoccupante.

Una tendenza non solo locale, tanto che anche su Quattroruote di Gennaio 2021 si affronta lo stesso tema, denunciando come negli ultimi tempi il fenomeno sia diventato un vero e proprio trend. Gli atti criminosi non sono più limitati al furto di navigatori e sistemi di infotainment, ma riguardano in misura sempre maggiore anche proiettori e volanti. Le ragioni di queste pratiche sono da imputarsi, con tutta probabilità, alla domanda del mercato dell’Est Europa: lì molti tentavano di migliorare le dotazioni della propria auto a pezzi modici, contando su una intercambiabilità di componenti per i modelli basati su un’unica piattaforma. Quando le case produttrici hanno iniziato a montare i comandi al volante, l’intera plancia è diventata appetibile e i furti hanno registrato un’escalation arrivata fino a oggi.

Per via della componente tecnologia “in plancia”, i danni a carico di proprietari (e assicurazioni) sono tra l’altro piuttosto ingenti e possono arrivare anche a superare il valore del mezzo.

Come detto in apertura, il nostro territorio non è esente da questo fenomeno e in officina stiamo registrando un aumento di plance “ripulite” davvero significativo. Anche Cesena Today, in questo recente articolo, accenna all'aumento di casi che riguardano, nello specifico, i fari anteriori e posteriori di Fiat 500 X e Jeep Compass, pezzi che vengono poi rivenduti sul mercato nero. 

Quindi occhi ancora più aperti, ci raccomandiamo.